Italia affidabile per gli investitori

La crisi degli scorsi anni ha messo in ginocchio molti imprenditori italiani, ma finalmente si comincia a vedere uno spiraglio di crescita che sta rendendo l’ Italia nuovamente affidabile per gli investitori esteri che desiderano puntare sul nostro territorio. A dirlo è stato il premier Paolo Gentiloni in un convegno del Messaggero sulla UE. La nuova ondata positiva sta aiutando molte aziende a ripartire ottenendo addirittura contratti all’estero, ma è fondamentale che l’ Unione Europea faccia la sua parte per non soffocare una brace che abbiamo ottenuto così tanto faticosamente.

La preoccupazione più pressante del governo attualmente è data dalla politica troppo rigida attuata dal ministero delle finanze europeo, che rischia di ingabbiare una crescita già di per sé precaria e fragile. “L’Europa non ha bisogno di regole che reintroducano fattori di instabilità. Bisogna consolidare i percorso in atto, non disseminare crisi e instabilità. La strada giusta è accompagnare il percorso positivo che è in atto, la crescita va incoraggiata non ingabbiata sennò cerchiamo di distruggerla”. Queste le parole con cui Gentilone ammonisce le istituzioni europee.

Con la nuova legge di bilancio il governo si propone di alimentare questa crescita rendendo l’ Italia nuovamente affidabile per gli investitori esteri, i quali potranno contare su garanzie di sicurezza nuove. I capitali che arriveranno nel Bel Paese sono il trampolino da cui rilanciare un’ economia affaticati ed arrancante, che dopo anni di buio comincia finalmente a vedere qualche spiraglio di luce in fondo al tunnel.

“Siamo un Paese affidabile per i nostri alleati e gli investitori stranieri. I numeri sono finalmente incoraggianti”, ha detto Gentiloni partecipando a un convegno su Brexit. “La nostra instabilità politica non è una fake news, ma – sottolinea – il nostro Paese non conosce instabilità nelle scelte su Ue, sui valori dell’atlantismo. Lo siamo stati negli ultimi sessant’anni e lo saremo in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *